“GLORIA AL BRAVO PUEBLO VENEZOLANO” *

Il Comitato Contro la Guerra Milano saluta la vittoria del voto costituente, attraverso il quale il popolo venezuelano ha dato una lezione di democrazia e coraggio recandosi alle urne in massa.

Oltre 8 milioni di elettori venezuelani hanno sfidato i blocchi e le violenze del terrorismo fascista e golpista che in tutti i modi ha cercato di impedire al popolo di esprimersi, come ben descritto dalla giornalista Geraldina Colotti de Il Manifesto.
Lo squadrismo organizzato, finanziato e reclamizzato dall’imperialismo, con i criminali che vengono dipinti come vittime indifese dai media e dai governi complici.
Viene così riproposto lo stesso copione utilizzato nelle aggressioni agli stati sovrani che rifiutano il giogo dell’imperialismo e per questo definiti “Stati Canaglia”. Questi metodi sono stati utilizzati su larga scala a partire dalla guerra NATO contro la Jugoslavia, fino alla Libia, la Siria e l’Ucraina, attacchi orchestrati anche con il sostegno di Israele e della Unione Europea.

Proprio in queste ore, mentre si sta insediando l’Assemblea Costituente, Rex Tillerson, segretario di Stato USA, minaccia di rimuovere il “tiranno” Maduro se non lasciasse spontaneamente la guida del paese. Siamo quindi di fronte ad una palese violazione del diritto internazionale, un fatto che purtroppo ricorre frequentemente nella politica estera statunitense.

Il Venezuela ha imboccato la sua strada, fatta di partecipazione popolare, a dispetto delle minacce e delle intimidazioni.

Ora quello che tocca oggi ai sinceri democratici di ogni paese è di stare vicini con ogni mezzo possibile all’indomita Repubblica Bolivariana del Venezuela. Queste non sono frasi di circostanza, ma sono l’espressione di un pensiero fecondo che è rivolto alla democrazia e alla pace per tutti i popoli, particolarmente per quei paesi che sono nella lista nera degli Stati Uniti.

Il Comitato Contro la Guerra Milano invia un saluto caldo e intenso agli amici e ai compagni venezuelani.

* Gloria al Bravo Pueblo (Gloria al Popolo Coraggioso) è l’inno nazionale del Venezuela.
– https://it.wikipedia.org/wiki/Gloria_al_Bravo_Pueblo
– https://youtu.be/E3dDASulWgo

Foto comunicato Costituente

Presidio del 4 luglio davanti al Consolato U.S.A.: foto e video

Poche note sul presidio del 4 luglio 2017 a cura del Comitato Contro la Guerra Milano: a Milano c’è parecchio da fare..

Ci hanno fatto notare che le immagini del presidio al Consolato U.S.A. sono inframmezzate da altre che non appartengono a quella iniziativa.
Ben sapendolo dichiariamo che quello che appare è il frutto di una scelta.
Se nel presidio non erano presenti i personaggi che compaiono tra le foto dell’iniziativa, è però vero che il presidio con le sue bandiere si ispirava al pensiero di queste personalità, che hanno saputo segnare la storia del mondo… Ma qual’era questo pensiero? Era un pensiero che si collocava coerentemente, utilmente e dunque necessariamente nel campo antimperialista; la relazione di Fidel Castro con importanti rappresentanti dei paesi non allineati e altri, di nazioni impegnate in guerre di liberazione per la propria indipendenza, stabilisce inconfutabilmente che la politica estera di costoro era fondata sulla consapevolezza di quale fosse il nemico principale: gli Stati Uniti d’America.
Si noti che le bandiere presenti nel presidio erano quelle di nazioni inserite a vario titolo in black list da decenni, naturalmente intendiamo la black list del ben noto Zio Sam (U.S.A.).
Scorrendo le immagini si può notare come quella con le bandiere del Donbass preceda quella di Mozgovoy o quella con l’immagine di Castro ed Arafat preceda la bandiera della Siria, a significare il legame storico fra la Siria, la Palestina e Cuba.
Dobbiamo fissare un punto decisivo: la confusione che sta regnando quasi incontrastata è nemica della vera sinistra. Non esistono scorciatoie, talvolta per evitare gli acquitrini tocca dover percorrere la strada più lunga… Chi va piano va sano e va lontano, nelle sabbie mobili è facile rimetterci la pelle, se per evitarle si dovesse allungare la strada da percorrere.. pazienza, lo si farà sapendo però la giusta direzione.
Su tutto questo ritorneremo, proveremo a chiamare al confronto coloro che dovrebbero essere interessati al rimedio degli errori che, con evidenza, si stanno commettendo.
A Milano c’è parecchio da fare.

#SAVE THE DATE: 10 giugno con il Venezuela Bolivariano

Il Comitato Contro la Guerra Milano aderisce con piacere alla celebrazione del 5° anno di attività della Casa Rossa, contribuendo all’organizzazione dell’iniziativa.

Dalle 18,30 video, informazioni e testimonianze della resistenza popolare al tentativo di golpe sponsorizzato dagli USA (a breve il programma completo). In occasione del 5° anno di attività della Casa Rossa avremo una presenza… che sarà una sorpresa… 

Dalle 20 cena popolare per i 5 anni di Casa Rossa; menù: antipasti ~ pabellon venezuelano – macedonia – vino, acqua ⇒ 15 €
È gradita la prenotazione al   3383899559 entro giovedì 8 giugno.

5 compleanno casa rossa