Il popolo siriano ripudia la guerra e vuole la pace

di Socorro Gomes, presidente del Consiglio Mondiale della Pace | da http://www.vermelho.org.br

Traduzione a cura di Marx21.it

Con il titolo “No alla violenza, si alla democrazia”, il 18 novembre, si è svolta a Teheran una conferenza che ha riunito 200 esponenti del governo e dell’opposizione della Siria, con l’obiettivo di riannodare i fili del dialogo nazionale. All’incontro, tra gli altri erano presenti il segretario del Partito Comunista Siriano Ahmar Bagdash e Ali Heidar, già oppositore di Assad e oggi nominato ministro per gli Affari della Riconciliazione Nazionale. Hanno assistito alla conferenza, insieme a rappresentanti delle istituzioni iraniane e agli ambasciatori di Cina e Russia, anche personalità del mondo politico e dei movimenti sociali provenienti da paesi della regione e di altri continenti, particolare dall’America Latina (spiccava la presenza del diplomatico nicaraguense Miguel D’Escoto, ministro degli esteri dopo la Rivoluzione sandinista ed ex presidente dell’Assemblea Generale dell’ONU). Ha portato il suo contributo, a nome del Centro Brasiliano di Solidarietà ai Popoli e Lotta per la Pace (Cebrapaz), anche la compagna Socorro Gomes, militante del Partito Comunista del Brasile e presidente del Consiglio Mondiale della Pace (http://www.wpc-in.org/).

Ringrazio per l’invito, che mi onora molto come attivista brasiliana dei movimenti sociali pacifisti, a partecipare a questa riunione convocata dal governo della Repubblica Islamica dell’Iran.

Leggi tutto…

Annunci