Armi chimiche in Siria: un nuovo incidente del Tonchino?

L’opposizione siriana accusa l’esercito nazionale di aver ucciso centinaia di civili a Ghouta, a est di Damasco, con bombardamenti al gas sarin il 21 agosto (poco dopo l’arrivo degli ispettori dell’Onu sulle armi chimiche ), valicando dunque la linea rossa stabilita dall’occidente per l’intervento diretto (bombardamenti, no fly zone) in Siria. Il governo ritorce l’accusa contro i gruppi armati, e così fanno la Russia ma anche alcuni media, e diplomatici ed esperti, anche chiedendosi a chi conviene.
Sibliairia, impegnata da tempo contro le menzogne che fomentano le ingerenze armate e le guerre anziché il negoziato e la pace analizza
a) video e “testimonianze” trovando in diversi di essi incongruenze e probabili finzioni, e in tutti una mancanza di prove circa i responsabili;
b) le analisi condotte anche da ricercatori oppositori di Assad che puntano il dito contro i gruppi armati;
c) il susseguirsi di “allarmi armi chimiche”…

La Redazione di Sibialira

continua a leggere

Annunci