La Russia nella crisi siriana

di Spartaco A. Puttini, “Gramsci oggi”, N 3 anno 2013

Nel corso della crisi siriana la Russia è tornata a svolgere un ruolo di primo piano sulla scena mediorientale.

Con la sua guerra per procura contro Damasco l’Occidente punta a ri-colonizzare l’intero Vicino oriente spezzando la resistenza di un paese che ha sempre sbarrato la strada all’imperialismo e all’espansionismo sionista nella regione.

Uno dei risultati secondari che Washington si attendeva dalla sua guerra a bassa intensità contro la Siria era la totale estromissione della presenza russa dall’Oriente arabo. Ma la politica statunitense al momento ha fallito (e piuttosto clamorosamente) questo suo scopo.

Quali sono i motivi di fondo che hanno animato l’operato della diplomazia russa sul dossier siriano?

Quale è il significato della presenza della Russia nella regione? Come viene vista la crisi siriana dalle guglie del Cremlino? Per cercare di rispondere a questi interrogativi occorre avere presente il significato e la posta in gioco sottese alla crisi siriana.

[Leggi…]

Annunci