Archivi tag: antifascismo

25 Aprile: la Brigata Garibaldi Immortale con Semion Kantor

25 APRILE A MILANO CONTRO LA GUERRA

Con lo striscione della Brigata Garibaldi Immortale
e il Veterano dell’Armata Rossa Kantor Semiön Isaakovic

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Viva la Brigata Garibaldi che la storia ha consegnato alla immortalità per il coraggio, il sacrificio e la generosità con cui si è contraddistinta in una Resistenza che, tutti gli anni, il 25 aprile noi ricordiamo.

Invitiamo i lavoratori e gli antifascisti a partecipare alla manifestazione per il 25 aprile dietro lo striscione della Brigata Garibaldi Immortale: in Russia lo si fa il 9 maggio per ricordare il “Reggimento immortale”, che rappresenta i milioni di sovietici caduti per la libertà, le cui immagini vengono portate in corteo dai loro figli e nipoti. In Italia le gloriose Brigate Garibaldi che combattevano lo stesso nemico, con unità d’intento e idealmente legate all’Armata Rossa, ci ricordano quale fu il prezzo della nostra liberazione.

Quest’anno nel nostro spezzone internazionalista, insieme a noi saranno Russi, Ecuadoriani, Srilankesi ed Africani, impegnati contro l’Imperialismo ed il Neocolonialismo. L’Antifascismo non sta con Macron, né con gli Stati Uniti o Israele. Grande è la confusione alimentata dall’ipocrisia ed anche dall’opportunismo elettoralistico.

Non è un vero antifascista chi è amico del governo di Kiev, e quindi dei suoi ministri filonazisti che sono dichiaratamente antisemiti. Non lo è chi si gira dall’altra parte di fronte ai crimini di guerra di Israele.

Non può esserci Antifascismo senza i lavoratori, contro i quali nel corso di questi anni, si sono varate leggi come la Fornero, il Jobs Act, o quella sulla rappresentanza sindacale, per citarne solo alcune.

Dentro la manifestazione del 25 aprile a Milano stanno dunque contraddizioni diverse e insanabili.

Il PD ha dimenticato che abbiamo un debito di riconoscenza con il popolo russo: la guerra di aggressione che ha subito dai nazisti tedeschi, croati, ungheresi, romeni, polacchi e dai fascisti italiani, lo sforzo successivo per sconfiggere i nazisti e liberare l’Europa, causò ben 26 milioni di morti ai sovietici.

Grazie Stalingrado, grazie Reggimento Immortale, grazie Brigata Garibaldi, la follia occidentale che continua contro il popolo russo non deve passare inosservata ed indisturbata, il 25 Aprile è anche per la pace!

Per info:

e-mail comitatocontrolaguerramilano@gmail.com
fb www.facebook.com/comitato.milano.5 –  cell. 3383899559
EVENTO FB https://www.facebook.com/events/360541791336674/

25 aprile 2019

Annunci

#Save the Date

Per un 25 aprile a Milano internazionalista e veramente Antifascista

Con lo striscione della Brigata Garibaldi Immortale

e il Veterano dell’Armata Rossa Kantor Semiön Isaakovic

Ci ritroviamo alle 14.00 all’altezza di Corso Venezia

[MM1 Palestro], dove i giardini fanno angolo con Via Palestro

25 aprile si parte

Mobilitazione antifascista di sabato 23 marzo: ci saremo.

presidio sabato 23 marzo 19

Precisando che siamo lontani dalle manifestazioni del PD, alle quali si è voluto talvolta attribuire un antifascismo, che consideriamo però “di maniera” ed insincero, poiché nel corso degli anni il PD ha messo in atto una politica che ben poco ha a che fare con l’emancipazione dei lavoratori e la giustizia sociale, la mattina di sabato 23 marzo 2019 saremo presenti al presidio antifascista che si terrà al Cimitero Monumentale.

Per l’occasione prevediamo la presenza dello striscione intitolato alla Brigata Garibaldi Immortale; a tale proposito siamo convinti che non occorrano molte parole per dire qualcosa sullo spirito che ci pervade.

Sapendo che è un nostro preciso dovere, ci saremo e chiediamo ai compagni a noi vicini di aderire.

Damasco: intervento del Comitato Contro la Guerra Milano

Intervento del CCLGM nel Comitato Esecutivo del Consiglio Mondiale della Pace (World Peace Council) riunitosi a Damasco il 27 e 28 ottobre 2018.

WPC-Syria

Foto dei partecipanti

Compagni, ci piacerebbe tanto, ma purtroppo è ancora presto per cantare vittoria.
Siamo comunque contenti di partecipare, come Comitato Contro la Guerra Milano, proprio qui a Damasco, dove oggi, se la guerra avesse avuto un altro esito, potrebbe passeggiare il “filosofo” Bernard-Henri Lévy.
Invece qui ci siamo noi.

Sin dall’inizio dell’aggressione contro questo Paese, culla della civiltà, abbiamo lottato e continuiamo a farlo mettendo in campo tutto ciò che è possibile fare con le nostre forze: tanto, se paragonati a ciò che si è mosso in Italia contro la guerra alla Siria; poco, se pensiamo che la lotta del popolo siriano meriterebbe nel nostro Paese e in tutto il mondo un sostegno di massa. Possiamo dire che, con orgoglio, portiamo nel nostro simbolo la bandiera siriana con le due stelle verdi. Sappiamo bene che la fine dell’aggressione alla Siria è legata alla pace nel mondo.
La propaganda imperialista fa da muro alla mobilitazione popolare: si va da singoli giornalisti e Federazione Nazionale della Stampa Italiana, a libro paga di Soros, fino a organizzazioni che si dicono non governative (ONG) e invece sono al servizio dei cosiddetti “liberi ribelli” del Free Syrian Army.

C’è chi, nel passato, aveva la forza di mobilitare a favore della Pace, oggi sta invece dall’altra parte riuscendo a compiere un vero miracolo: quella sinistra imperiale che riesce a rapinare o massacrare manu militari in Africa, oppure in Siria e in Iraq, e allo stesso tempo, senza vergogna, proclamandosi “accogliente”, “senza muri”, per poter sfruttare i migranti o i rifugiati che origina.
Un altro miracolo lo compie un’altra sinistra, sempre imperiale ma che si proclama rivoluzionaria: stare allo stesso tempo con i Palestinesi e schierarsi invece sulla guerra in Siria con il famosissimo, ormai defunto, Senatore McCain, noto “patriota statunitense”; e questo, nonostante tutte le organizzazioni palestinesi, nessuna esclusa, abbiano espresso solidarietà al governo e al popolo siriano in seguito all’attacco missilistico della scorsa primavera.

Tra le altre cose, noi stiamo provando, per esempio, a fare opposizione così: in seguito all’attacco missilistico dello scorso settembre e all’abbattimento dell’aereo russo causato dall’ennesimo raid israeliano sul territorio siriano, abbiamo posto tre domande al governo italiano, in modo semplice e divulgativo, cominciando con il dire che “siamo cittadini amanti della pace, sappiamo che spesso i mezzi di comunicazione ci nascondono la verità” e chiedendo:

1) se vi sia stato un nostro coinvolgimento di qualsiasi tipo, anche logistico, in una azione militare come questa, contraria al Diritto Internazionale;
2) che condanni questa azione bellica, per la quale non esiste giustificazione;
3) di procedere alla sospensione immediata delle sanzioni che stanno colpendo la Siria ed il suo popolo, proprio mentre sta compiendo un grande sforzo volto a liberare il Paese da terroristi che provengono da altre nazioni, anche lontane.

Negli ultimi mesi in Italia e nei Paesi dell’Unione Europea si sta parlando, non sempre in modo appropriato, di fascismo. Appunto per quanto riguarda il fascismo vogliamo sottolineare che gli Stati Uniti e l’imperialismo, ieri come oggi, non disprezzino ne abbiano affatto disprezzato di usare i fascisti per i propri scopi: lo hanno fatto in passato con la Spagna franchista, le dittature militari in Cile, Argentina, Brasile, lo hanno fatto in Portogallo e poi in Grecia con i colonnelli, lo hanno fatto in Italia armando direttamente, dai depositi NATO, la mano del terrorismo fascista (attraverso la cosiddetta strategia della tensione). Oggi continuano, in Ucraina come in Venezuela; mentre qui in Medio Oriente e nel nord Africa non si fanno nessun scrupolo a sostenere lo jihadismo. Sono aspetti, questi, che andrebbero sottolineati nei documenti del WPC.

Infine cogliamo l’occasione per portare il saluto dei compagni del Centro di Iniziative per la Verità e la Giustizia (CIVG) da cui origina il progetto di solidarietà SOS Siria; in particolar modo il compagno Enrico Vigna, che ha fatto parte della sezione italiana del tribunale Ramsey Clark, una figura che ha contribuito ad aprire alle masse la lotta per la pace e la giustizia, quella pace e quella giustizia di cui tanto ha bisogno il popolo siriano.

Presidio in ricordo di Alexandr Zakharchenko

Milano, 4 settembre 2018

Presidio in ricordo di Alexandr Zakharchenko, Presidente della Repubblica Popolare di Donetsk, vilmente assassinato dai nazisti di Kiev e dalla NATO.

IL VIDEO:

LE FOTO: