Archivi tag: appello CCLGM

4 luglio: presidio al Consolato USA per l’indipendenza e la sovranità dei popoli

Siamo cittadini amanti della pace. Spesso i mezzi di comunicazione ci nascondono la verità.

Questo appello nasce da una volontà di mobilitazione contro la politica di aggressione, condotta dagli USA e dalla NATO con l’Unione Europea, che ha già provocato una violenta rottura degli equilibri in tutto il mondo: Medio Oriente, Africa, Sudamerica, Europa ed in Estremo Oriente.

Proprio Washington, i Paesi della NATO e l’Unione Europea, quelli che si arrogano il diritto di “esportare la democrazia” e difendere i diritti umani, arrivano al punto di bloccare l’arrivo dei vaccini in Venezuela, dopo che sono stati regolarmente pagati da Caracas al sistema internazionale COVAX; cercano da decenni di strangolare una piccola ma valorosa isola come Cuba attraverso il bloqueo; non dicono una parola su quello che è ormai noto come l’apartheid contro i palestinesi, esercitato con continue violazioni israeliane di risoluzioni ONU; sono rimasti a guardare il golpe in Bolivia, poco più di un anno fa. Oggi i boliviani hanno rimesso a posto le cose.

Il giornalismo oggi ha nuovamente indossato l’elmetto

Il colpevole silenzio della stampa ha tenuto nascosto che, in più occasioni, si sia sfiorato lo scoppio di una guerra devastante tra la NATO e la Federazione Russa. Col pretesto che la Russia non rispetti gli “standard” in materia di diritti civili, Washington e Bruxelles hanno votato per le sanzioni contro Mosca, le quali si stanno ritorcendo contro i lavoratori italiani ed europei, proprio in un momento nel quale i lavoratori stanno già pagando cara la pandemia. Le “esercitazioni militari” fatte ai confini della Russia, i tentativi di destabilizzazione della Bielorussia, la guerra in Donbass, quella in Siria, stanno portando il mondo su una strada molto pericolosa, così come le “esercitazioni” nel Mar Cinese appartengono anch’esse al repertorio delle provocazioni poste in essere dagli USA.

Questa politica ferocemente neocoloniale, condotta attraverso guerre per l’occupazione di territori ricchi di materie prime e risorse energetiche, è costata centinaia e centinaia di migliaia di morti, continuando a provocare emergenze umanitarie per milioni di profughi fuggiti dal proprio Paese.

Ci sono dei NO che aiutano a crescere,
il NO alla guerra che contraddistingue i sinceri democratici si esprimerà

A Milano dinanzi al Consolato USA
in Largo Donegani, domenica 4 luglio,
a partire dalle ore 18.00.

È previsto che si portino le bandiere dei Paesi che sono stati aggrediti militarmente, di cui si è tentato di cancellarne la sovranità con colpi di stato o con sanzioni tese a soffocarli.

Chiamiamo alla mobilitazione per una politica di pace che rispetti l’indipendenza e la sovranità dei Popoli
La guerra è contro i lavoratori. Non un soldo per la guerra

Per info e adesioni:
mail comitatocontrolaguerramilano@gmail.com – cell. 3383899559

Evento FB: https://fb.me/e/17u0wCPkY

È in corso la raccolta adesioni*:
CIP – Centro di Iniziativa Proletaria G. Tagarelli (Sesto San Giovanni)
Fronte Popolare di Liberazione del Popolo dello Sri Lanka (JVP Milano)
A. Catone, direttore della rivista MarxVentuno
Khader Tamimi, presidente della Comunità Palestinese della Lombardia
Yousef Salman, presidente della Comunità Palestinese di Roma e del Lazio
Enrico Vigna, portavoce per l’Italia del Forum di Belgrado per un Mondo di Eguali
CIVG – Centro di Iniziative per la Verità e la Giustizia
La Casa Rossa (Milano)
Milan en Revolución (FRI – Ecuador)
Italia-Cuba Circolo di Parma
Partito Comunista – Milano
Patria Socialista – Milano
Circolo Culturale Giordano Bruno – Milano
Colectivo Colombia Paz y Justicia Social

*Adesioni aggiornate al 30 giugno ’21

La guerra è contro i lavoratori, non un soldo per la guerra!

Chiamiamo all’appello contro la guerra: Non stiamo fermi a guardare!

MOBILITAZIONE – VENERDÌ’ 21 SETTEMBRE

ORE 18.00 IN PIAZZA SAN BABILA – MILANO

Siamo cittadini amanti della pace, sappiamo che spesso i mezzi di comunicazione ci nascondono la verità.

F-16-israelianiLa sera di lunedì 17 settembre dal Mediterraneo è partito un attacco missilistico, contro la Siria, proveniente da navi di varia nazionalità, tra cui francesi; al contempo aerei israeliani violavano per l’ennesima volta lo spazio aereo siriano, compiendo incursioni su quel Paese.

Durante questo deprecabile e sporco lavoro, contro un popolo già martoriato su cui gravano da anni pesanti sanzioni, è stato abbattuto un aereo russo, a bordo del quale erano 15 persone. Tutti morti.

Non possiamo far finta di niente, il pericolo di una guerra devastante si sta aggravando sempre di più.

CHIEDIAMO AL GOVERNO ITALIANO:

1) se vi sia stato un nostro coinvolgimento di qualsiasi tipo, anche logistico, in una azione militare come questa, contraria al Diritto Internazionale;

2) che condanni questa azione bellica, per la quale non esiste giustificazione;

3) di procedere alla sospensione immediata delle sanzioni che stanno colpendo la Siria ed il suo popolo, proprio mentre sta compiendo un grande sforzo volto a liberare il Paese da terroristi che provengono da altre nazioni, anche lontane.

Ci troviamo alle 18.00 venerdì 21 settembre a Milano,

in piazza San Babila.

Porteremo in Prefettura una lettera

con queste tre richieste rivolte al Governo.

Milano, 19 settembre 2018                               Comitato Contro La Guerra Milano

COMITATO CONTRO LA GUERRA MILANO
FB facebook.com/comitato.milano.5
EVENTO: www.facebook.com/events/289013258581147/
E-MAIL comitatocontrolaguerramilano@gmail.com
CELL. 338-3899559

Hanno ad ora aderito alla mobilitazione: L’Antidiplomatico, Comitato Ucraina Antifascista Bologna, Partito Comunista (Federazione di Milano), La Casa Rossa Milano.

Non stiamo fermi a guardare. Mobilitazione contro la guerra

Presidio a Milano contro la guerra

GIÙ LE MANI DALLA SIRIA!
SABATO 14 APRILE 2018 –  ORE 18.00
PRESIDIO-MANIFESTAZIONE
MILANO – PIAZZA SAN BABILA

 “L’Italia ripudia la guerra come strumento d’offesa alla libertà degli altri popoli
e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali.”
Costituzione della Repubblica Italiana – Art.11

Questo appello nasce dalla volontà dei soggetti promotori di mobilitarsi contro la politica di aggressione, condotta dalla NATO – USA in testa, che ha già provocato una violenta rottura degli equilibri in tutto il Medio Oriente, in parte del continente africano, in Europa.

Stiamo assistendo alla solita commedia, il cui copione è ben noto: ancora una volta con finanziamenti degli USA e, allo stesso tempo, mercenari, filonazisti, jihadisti, golpisti, consiglieri militari della NATO. Migliaia di morti civili sono il tragico risultato.

Come in Iraq, dove risultarono inesistenti le tanto declamate armi di distruzione di massa, anche in questa occasione si crea un pretesto per muovere guerra alla Siria. A Douma, liberata in queste ore dall’esercito arabo siriano, si sarebbero usate armi chimiche, causando perdite di vite umane tra i civili. Prima ancora di accertare se sia accaduto realmente, si vorrebbe lanciare un attacco missilistico sulla Siria. Un silenzio totale invece avvolge la tragedia dello Yemen, da più di due anni attaccato dall’Arabia Saudita con armi fornite dagli USA e, tra gli altri, anche dall’Italia. Come sempre due pesi e due misure..

Non è mai stato così alto il rischio di una guerra devastante tra la NATO, che potrebbe avere l’appoggio delle petromonarchie così come di Israele, e la Federazione Russa. La Siria infatti ha una storica amicizia con l’Unione Sovietica prima, con la Russia oggi; per questo ha chiesto il suo aiuto nella lotta contro i terroristi armati, addestrati e finanziati dagli USA, è evidente che in queste circostanze un attacco alla Siria equivale ad una dichiarazione di guerra alla Russia

Chiediamo l’impegno di quanti aderiranno a scendere in piazza prima che sia troppo tardi.
La prima vittima della guerra è la verità.
La guerra è contro i lavoratori. Non un soldo per la guerra

Comitato contro la guerra – Milanoimmagine

PER INFO:
E-MAIL comitatocontrolaguerramilano@gmail.com
BLOG comitatocontrolaguerramilano.wordpress.com
FB www.facebook.com/comitato.milano.5
CELL. 3383899559

È IN CORSO LA RACCOLTA ADESIONI, ad ora sono pervenute: Centro di Iniziativa Proletaria Tagarelli – S.S. Giovanni (Milano), Marx21.it,  Sez. ANPI “Bassi – Viganò” – Milano, “La Casa Rossa” – Milano, Comitato Lavoratori Precoci – Lavoro GiovaniPartito Comunista – Milano, Comitato Lavoro – Milano, Ass.ne Italia-Cuba – Milano, Ass.ne Italia-Cuba – Parma, GC Milano, Circolo ANPI Abbiategrasso “Giovanni Pesce Visone”, l’Antidiplomatico , PCI – Fed. di Milano, Scintilla, Ass.ne Italia-Cuba Circolo Camilo Cienfuegos (Abbiategrasso- Magenta MI), Circolo Vegetariano VV.TT., CNJ Coordinamento Nazionale per la Jugoslavia

 

appello del CCLGM - 14 aprile 2018

Appello del Comitato Contro la Guerra – Milano, febbraio 2015

appello del CCLGM - febbraio 2015_2 Ad ora sono pervenute le seguenti adesioni:

Rete NoWar – Roma, Forum contro la guerra – Venegono, Ass. “La Casa Rossa” – Milano, Banda Bassotti, Marx21.it, Ass. Cult. Stella Alpina – Novara, Ass. Italia-Cuba – Milano, PCdI Milano, PCdI Lombardia, PC Provincia di Milano, Coordinamento Nazionale per la Jugoslavia ONLUS, Comitato Altra Europa zona 8 – Milano, Ass.  Un’Altra Storia, Sez. ANPI “Bassi – Viganò” – Milano, Sez. PCdI “Laika” – Milano, Giovani Comunisti – Milano, Sez. ANPI Porta Genova – Milano, PCdI Federazione di Pescara, Sez. PCdI “Gagnoni” – zona 5 Milano, Redazione di ALBAinformazione, La Scintilla – Milano, PRC “Luca Rossi” – Affori Milano, Rete disarmiamoli – Nodo di Vicenza,  Nella Ginatempo (Sociologa e scrittrice del Movimento per la pace), Patrick Boylan (PeaceLink, Rete NoWar-Roma, Cittadini statunitensi per la pace e la giustizia), Tiziano Cardosi (Comitato No tunnel TAV Firenze), Anna Migliaccio (Comitato Centrale PCdI), Anita Fisicaro (Rete Nowar-Roma), Ugo Giannangeli (Avvocato), Maurizio Musolino (Segreteria Nazionale PCdI), Vladimiro Vaia (economista), Bianca Riva (NO TAV Valsusa), Gabriella Vaccaro, Angelo Baracca (Firenze), Nunzia Augeri (ricercatrice storica – PCdI), Paolo D’Arpini (Rete Bioregionale Italiana), Elio Rindone, Gian Piero Riboni (Comitato per Milano zona 8), Maurizio Quattrocchi (ingegnere), M.Gabriella Guidetti (Rete NoWar Roma), Claudia Berton (insegnante e scrittrice, Verona), Vincenzo Brandi (Rete No War e Comitato No Nato), Elio Varriale (Istituto della Memoria in Scena – FI), Sergio e Tecla Introini, Massimo Ponchia (Rubano – PD), Monica Zoppè (PI), Roberto Galtieri, Presidente ANPI Belgique, Elio Nocerino, Camillo Boni, Ivo Batà (Fronte Palestina Milano), Francesca Iacobucci (Fronte Palestina Milano), Maria Cristina Bandeira Santos (Fronte Palestina Milano), Jonathan Chiesa (Coord. Com. “Altra Europa con Tsipras” – zona 9), Giovanni Sarubbi (direttore http://www.ildialogo.org)

Appello alla mobilitazione contro le minacce di guerra alla Siria

Siamo di fronte all’incombente aggressione contro la Siria.

Le precedenti guerre contro Yugoslavia, Iraq, Afganistan, Libia ci hanno insegnato che le “guerre umanitarie” altro non sono che massacri perpetrati per interessi economici e geopolitici.

Ricordiamo che: “L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali
QUESTO RECITA L’ART.11 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA NATA DALLA RESISTENZA

Questa guerra presenta anche gravi pericoli di estensione del conflitto.
Chiamiamo quindi alla mobilitazione contro la guerra alla Siria tutte le organizzazioni democratiche e i cittadini amanti della pace e soprattutto tutti i lavoratori  poiché la guerra è contro il lavoro e tocca ai lavoratori fermarla.

Vi chiediamo l’adesione a questo comunicato ed alla mobilitazione che stiamo organizzando per Sabato 31 AGOSTO 2013 alle ORE 16.30 presso il Consolato USA in L.GO DONEGANI a Milano

Comitato contro la guerra – Milano

Milano, 28 Agosto 2013

Per info e contatti: comitatocontrolaguerramilano@gmail.comcell. 3383899559