Archivi tag: Armenia

“Armenia: un Paese pacifico in lotta e l’espansione della Turchia”: il video

Poco si è parlato dell’aggressione avviata lo scorso settembre dall’Azerbaigian contro gli armeni che abitano in Artsakh (Nagorno Karabakh). La Turchia supporta militarmente le forze azerbaigiane, anche avvalendosi di gruppi mercenari jihadisti, nel solco della politica di espansione del sultano Erdogan. In una regione ulteriormente incendiata dalla Primavera Araba, dalle guerre che si sono succedute e dal conseguente rafforzamento internazionale di Israele e delle petromonarchie, questa nuova aggressione rischia pericolosamente di sconvolgere un tessuto politico ed etnico già messo a dura prova dalla caduta dell’Unione Sovietica. Un conflitto che si affaccia direttamente sui confini dell’Iran, che rafforza la destabilizzazione in corso nei Paesi che circondano la Russia e in cui, ancora una volta, è coinvolto un membro di rilievo della NATO come la Turchia.

Il Comitato Contro la Guerra Milano ne parla con il Professor Baykar Sivazliyan, Presidente dell’Unione degli Armeni d’Italia.

Armenia: un Paese pacifico in lotta e l’espansione della Turchia

Poco si è parlato dell’aggressione avviata lo scorso settembre dall’Azerbaigian contro gli armeni che abitano in Artsakh (Nagorno Karabakh). La Turchia supporta militarmente le forze azerbaigiane, anche avvalendosi di gruppi mercenari jihadisti, nel solco della politica di espansione del sultano Erdogan.

In una regione ulteriormente incendiata dalla Primavera Araba, dalle guerre che si sono succedute e dal conseguente rafforzamento internazionale di Israele e delle petromonarchie, questa nuova aggressione rischia pericolosamente di sconvolgere un tessuto politico ed etnico già messo a dura prova dalla caduta dell’Unione Sovietica.

Un conflitto che si affaccia direttamente sui confini dell’Iran, che rafforza la destabilizzazione in corso nei Paesi che circondano la Russia e in cui, ancora una volta, è coinvolto un membro di rilievo della NATO come la Turchia.

Sabato 7 novembre ore 21.30 ne parliamo con il Professor Baykar Sivazliyan, Presidente dell’Unione degli Armeni d’Italia.

In diretta sulla pagina Facebook del Comitato Contro La Guerra Milano: www.facebook.com/comitato.milano.5

Evento FB: https://www.facebook.com/events/399555351217995/

Dichiarazione del World Peace Council sulla recente escalation delle tensioni tra Azerbaigian e Armenia

Il Consiglio Mondiale della Pace (WPC) esprime la sua profonda preoccupazione per la recente escalation delle tensioni tra Azerbaigian e Armenia, causate dalle controversie sui confini nella regione del Nagorno-Karabakh, che hanno già provocato vittime da entrambe le parti, civili compresi. Questo è un conflitto che si protrae da circa 30 anni ed è una questione complessa in cui sono coinvolte indirettamente varie potenze regionali e globali.

Il WPC denuncia e condanna ogni intervento straniero, sia nel provocare ed intensificare la tensione, sia nel partecipare direttamente o indirettamente al conflitto stesso e chiede la fine delle azioni intraprese finora da alcune forze. Non è un segreto che l’area specifica e la regione nel suo insieme siano di interesse geostrategico per i Paesi più potenti e per il controllo delle risorse energetiche e delle vie di comunicazione, così come accade in Medio Oriente, Nord Africa e Mar Mediterraneo orientale.

Il WPC è consapevole della complessa storia del territorio conteso ed è preoccupato delle gravi conseguenze che lo scoppio di un conflitto tra i due Paesi ha per i suoi popoli e per i popoli di una regione già così travagliata. Considerando la possibilità molto reale che un tale conflitto degeneri in una guerra di proporzioni molto maggiori, il WPC chiede:

– Un cessate il fuoco immediato e la fine di tutte le ostilità.
– Un ritorno al dialogo tra le parti interessate per la ricerca di una risoluzione politica e negoziata del conflitto.
– La mobilitazione attiva delle forze di pace nei due Paesi e nella regione per evitare che l’isteria di guerra si diffonda e affinché si promuova la possibilità di una risoluzione pacifica.

Il WPC ritiene che quanto sopra sia l’unica via da seguire nell’interesse dei popoli dell’Azerbaigian e dell’Armenia contro i piani imperialisti e per la pace nella regione.

Atene 28 settembre 2020
Il Segretariato del WPC

Traduzione a cura del Comitato Contro La Guerra Milano