Archivi tag: pace

Missione Internazionale di Solidarietà in Siria: 1^ giornata

Il 29 Ottobre è iniziata la Missione Internazionale di Solidarietà in Siria del Consiglio Mondiale della Pace (WPC) e della Federazione Mondiale della Gioventù Democratica (WFDY).

Il programma parte dall’incontro presso la Direzione Centrale del Partito Arabo Socialista Baath con il Segretario regionale assistente Hilal al-Hilal sul tema:
“L’esercito siriano nasce contro il sionismo: due piccoli popoli, quello siriano e palestinese, difendono la pace in tutto il mondo e sono un modello nella lotta all’imperialismo.”

Poi, presso il Ministero degli Esteri incontro con il Ministro Walid al-Moallem, l’Odg:
“Gli USA in Siria combattono contro tutti meno che contro l’Isis, solo la Siria ed i suoi alleati combattono il terrorismo.“
“Si sta lavorando ad un comitato costituzionale che deve essere intersiriano.”

Dunque visita alla Tomba del Milite Ignoto e deposizione della corona di fiori

Nel pomeriggio incontro nel Consiglio del Popolo Siriano con il Presidente Hammouda Sabbagh
Relazione sull’importanza storica della lotta anticoloniale in Siria, sul sistema semipresidenziale multipartitico e sul legame tra l’esercito e il popolo siriano.

Due rappresentanti del Comitato Contro la Guerra Milano partecipano alla missione di solidarietà e sono presenti a tutti gli incontri.

Annunci

Riunione del C.E. del Consiglio Mondiale della Pace a Damasco, 27 e 28 Ottobre: il CGLGM è presente.

1-80“Damasco, SANA- Le riunioni del Comitato Esecutivo del World Peace Council hanno preso il via questo sabato 27 Ottobre presso l’Università di Damasco con la partecipazione di delegazioni provenienti da 40 paesi arabi e stranieri.

Nel suo intervento, Maria do Socorro Gomes, presidente del World Peace Council, ha dichiarato: “Ci riuniamo oggi in Siria per esprimere la nostra solidarietà al popolo siriano che ha sopportato la peggiore guerra terroristica contro uno stato sovrano per più di sette anni. ”

Socorro Gomes ha affermato che tenere la riunione del Comitato Esecutivo del Consiglio Mondiale della Pace in Siria è per dare un messaggio a tutti i Paesi perchè condannino l’interferenza straniera negli affari degli Stati e denunciare gli attacchi delle organizzazioni terroristiche che hanno cercato di distruggere la Siria, un Paese che ama la pace ed è noto per la sua civiltà e sicurezza nel corso della storia.

Da parte sua, il Segretario Generale del Consiglio mondiale della pace, Thanassis Pafilis, ha dichiarato che tenere l’incontro in Siria riflette l’importanza di questa regione alla quale dovrebbe essere data molta attenzione per contrastare tutte le campagne incessanti volte a distorcere e falsificare la storia e ad avvelenare le menti delle giovani generazioni.

Il rappresentante della Siria al World Peace Council, Samir Masad ha detto che la fermezza della Siria nell’affrontare la guerra globale contro di essa e la lealtà dei suoi amici nel sostenerla costituisce una leva per le forze amanti della pace nel mondo per consolidare la lotta per costruire un mondo migliore dominato dalla giustizia e dall’uguaglianza.”

Un rappresentante del Comitato Contro la Guerra Milano è presente all’Esecutivo del WPC in Damasco, e altri membri del Comitato sono lì per le iniziative di solidarietà con il popolo siriano.

Damascus, SANA- Meetings of the Executive Committee of the World Peace Council kicked off at Damascus University on Saturday with the participation of delegations from 40 Arab and foreign countries.

Delivering a speech, Maria do Socorro Gomes, President of the World Peace Council, said: “We are gathering today in Syria to express our solidarity with the Syrian people who have endured the worst terrorist war against a sovereign state for more than seven years.”

Gomes affirmed that holding the Executive Committee of the World Peace Council meeting in Syria sends a message to all countries to condemn the foreign interference in the states’ affairs and denounce the terrorist organizations’ attacks which tried to destroy Syria, a country which loves peace and is known for its security and safety throughout history.”

For his part, Secretary-General of the World Peace Council, Thanassis Pafilis indicated that holding the meeting in Syria reflects the importance of this region which should be given enough attention in order to face all the incessant campaigns aimed at distorting and falsifying history and poisoning young generations’ minds.

Syria’s representative at the World Peace Council, Samir Masad said that Syria’s steadfastness in confronting the global war against it and the loyalty of its friends in supporting it constitutes a lever for peace-loving forces in the world to consolidate the struggle to build a better world dominated by justice and equality.

https://www.sana.sy/en/?p=149771&fbclid=IwAR1Pk2Coz2-y1iNDJ9cZoHaGonM__HV6ADdAT_4Dy3fyZmBd7wqS38n1efU

Non stiamo fermi a guardare: mobilitazione contro la guerra! Report e video

Come nelle intenzioni ci siamo ritrovati in Piazza S. Babila. Non ci è stato permesso di muoverci verso la Prefettura.Abbiamo sciolto il presidio. È stato un po’ complicato ma alla fine una “delegazione” ha raggiunto la Prefettura, abbiamo dunque consegnato nelle mani del Capo di Gabinetto la lettera con la quale ci rivolgiamo al Governo. Lettera che vi chiediamo di condividere e rilanciare, poiché il lavoro iniziato dovrà continuare per diffondere questa idea e far tornare a crescere un vero movimento che pretenda dal nostro Paese quella funzione dettata dalla sua Carta Costituzionale e fissata con l’art.11.

lettera al Governo sulla Siria

Breve video della mobilitazione:

La guerra è contro i lavoratori, non un soldo per la guerra!

Chiamiamo all’appello contro la guerra: Non stiamo fermi a guardare!

MOBILITAZIONE – VENERDÌ’ 21 SETTEMBRE

ORE 18.00 IN PIAZZA SAN BABILA – MILANO

Siamo cittadini amanti della pace, sappiamo che spesso i mezzi di comunicazione ci nascondono la verità.

F-16-israelianiLa sera di lunedì 17 settembre dal Mediterraneo è partito un attacco missilistico, contro la Siria, proveniente da navi di varia nazionalità, tra cui francesi; al contempo aerei israeliani violavano per l’ennesima volta lo spazio aereo siriano, compiendo incursioni su quel Paese.

Durante questo deprecabile e sporco lavoro, contro un popolo già martoriato su cui gravano da anni pesanti sanzioni, è stato abbattuto un aereo russo, a bordo del quale erano 15 persone. Tutti morti.

Non possiamo far finta di niente, il pericolo di una guerra devastante si sta aggravando sempre di più.

CHIEDIAMO AL GOVERNO ITALIANO:

1) se vi sia stato un nostro coinvolgimento di qualsiasi tipo, anche logistico, in una azione militare come questa, contraria al Diritto Internazionale;

2) che condanni questa azione bellica, per la quale non esiste giustificazione;

3) di procedere alla sospensione immediata delle sanzioni che stanno colpendo la Siria ed il suo popolo, proprio mentre sta compiendo un grande sforzo volto a liberare il Paese da terroristi che provengono da altre nazioni, anche lontane.

Ci troviamo alle 18.00 venerdì 21 settembre a Milano,

in piazza San Babila.

Porteremo in Prefettura una lettera

con queste tre richieste rivolte al Governo.

Milano, 19 settembre 2018                               Comitato Contro La Guerra Milano

COMITATO CONTRO LA GUERRA MILANO
FB facebook.com/comitato.milano.5
EVENTO: www.facebook.com/events/289013258581147/
E-MAIL comitatocontrolaguerramilano@gmail.com
CELL. 338-3899559

Hanno ad ora aderito alla mobilitazione: L’Antidiplomatico, Comitato Ucraina Antifascista Bologna, Partito Comunista (Federazione di Milano), La Casa Rossa Milano.

Non stiamo fermi a guardare. Mobilitazione contro la guerra

Report della Conferenza anti-NATO del Consiglio Mondiale per la Pace (WPC) a Bruxelles, 6-7 luglio 2018

001A pochi giorni dal vertice NATO il World Peace Council ha tenuto una conferenza a Bruxelles,
il 7 luglio 2018, nell’ambito della campagna “No to NATO – Yes to Peace”.

Prima della conferenza, in data 6 luglio,  i delegati WPC di diverse organizzazioni per la pace hanno partecipato ad un evento pubblico organizzato dalla sua affiliata in Belgio, INTAL.

Dopo la conferenza del 7 luglio, i delegati del WPC hanno preso parte alla manifestazione anti-NATO a Bruxelles, portando i propri striscioni e scandendo i propri slogan. 

Il rafforzamento dei movimenti pacifisti anti-imperialisti, in condizioni di crescente aggressione e antagonismo imperialista (con nuovi interventi, guerre e minacce contro i popoli di tutto il mondo), è stato affrontato nel dibattito della Conferenza internazionale del Consiglio Mondiale della Pace (WPC) contro la NATO il 7 luglio a Bruxelles, la duplice capitale delle due organizzazioni imperialiste UE e NATO.

Con la conferenza e la partecipazione alla manifestazione anti-NATO nel centro di Bruxelles, in vista del vertice NATO, le iniziative antimperialiste del WPC hanno caratterizzato la campagna “No to NATO – Yes to Peace”. I partecipanti appartenevano a movimenti pacifisti antimperialisti provenienti da Belgio, Grecia, Portogallo, Polonia, Turchia, Bulgaria, Serbia, Spagna, Italia, Stati Uniti, Nepal, Norvegia e Cipro.

Continua a leggere