Archivi tag: Ucraina

Emanuele Fiano e il mistero dei francobolli di Ucraina

fiano fake ucraina nazistaL’Onorevole Emanuele Fiano parla della marcia fatta in Ucraina per celebrare la Divisione SS Galizia, a suo dire nello scorso maggio. Lo sa Fiano che la sua collega di partito, nonché capogruppo per il PD nella Commissione Esteri della Camera dei Deputati, Lia Quartapelle, è notoriamente una grande amica del governo ucraino? Lo sa Emanuele Fiano che la signora Quartapelle, insieme al suo collega di partito Cazzulani, hanno appoggiato la cosiddetta rivoluzione di Euromaidan, che in Ucraina ha portato al potere quel governo al cui interno siedono ministri che manifestano apertamente posizioni antisemite e filonaziste? Le contraddizioni di Emanuele Fiano non finiscono qui.

Si è mai preoccupato di chiedere al suo collega, il Senatore Gianni Pittella, Capogruppo in Commissione Politiche Europee, cosa ci facesse in piazza Maidan a Kiev il 4 gennaio 2014? Forse aprendo questo link, https://www.youtube.com/watch?v=q7FCeBTK6NI&feature=youtube_gdata_player, lo apprenderà; o lo sapeva già? In questo caso… è stato un poco disattento? Effettivamente in Ucraina, dopo i giorni della “rivoluzione”, si è insediato un governo che consente oggi quelle marce  per le quali Fiano vuole chiedere al Ministro Moavero di “esprimere la nostra condanna”.

Concludiamo questa nota annunciando che abbiamo almeno un paio di testi, che se Fiano ritenesse potremmo donargli (diciamo sul serio), dove compaiono le marce di cui lui parla, che si tengono già da qualche anno. Inoltre questi testi contengono documentazione inoppugnabile di come corpi paramilitari che si richiamano al nazismo, inquadrati nella difesa dello stato ucraino insieme all’esercito, siano stati curati nella preparazione e nell’addestramento da consiglieri militari della organizzazione comunemente nota come NATO, valga un nome per tutti: il battaglione Azov.

Per risultare più esaustivi gli segnaliamo anche questo video, reperibile su YouTube, dove compare il suo collega Cazzulani del PD, amico di Lia Quartapelle, che, nel corso di una iniziativa tenutasi nella sezione del PD “Aldo Aniasi” di Milano, non si è fatto alcuno scrupolo nel provare a confutare interventi provenienti dal pubblico che sottolineavano come in Ucraina ci fosse un governo le cui propensioni  non andassero certo in direzione della libertà di cui cianciava Pittella in piazza Maidan. Vorremmo fare notare che la data del video, di cui riportiamo il link sotto, risale all’8 gennaio 2016, anno in cui Gentiloni ricopriva l’incarico di Ministro degli Affari Esteri nel Governo Renzi.

Qui il video: https://www.youtube.com/watch?v=JEi3inKcR_A

Annunci

Presidio in ricordo di Alexandr Zakharchenko

Milano, 4 settembre 2018

Presidio in ricordo di Alexandr Zakharchenko, Presidente della Repubblica Popolare di Donetsk, vilmente assassinato dai nazisti di Kiev e dalla NATO.

IL VIDEO:

LE FOTO:

Per Zakharchenko, ucciso dai nazisti di Kiev e dalla NATO

MILANO, PRESIDIO MARTEDÌ 4 SETTEMBRE ORE 18.30

IN PIAZZALE LORETO DAVANTI ALLA STELE DEI 15 MARTIRI

ZakharchenkoCon l’assassinio di Aleksandr Zakharchenko, Presidente della Repubblica Popolare di Donetsk eletto nel 2014 con oltre il 75% dei consensi, la Resistenza in Donbass subisce un ennesimo duro colpo da parte delle forze neonaziste di Kiev insediatesi in seguito al golpe ucraino partito con Euromaidan nel 2013. Stati Uniti e NATO hanno diretto e sostenuto il golpe, con il benestare della Unione Europea, del Fondo Monetario Internazionale, del noto guerrafondaio senatore neocon John McCain, defunto in questi giorni, e del “filosofo” sionista Bernard-Henri Levy.

Mentre è conosciuto nel nostro Paese l’appoggio istituzional-diplomatico arrecato al governo di Kiev dai ben noti Gianni Pittella, parlamentare europeo del PD, Emma Bonino, eletta per il Senato con la lista “Più Europa”, Lia Quartapelle, eletta alla Camera dei Deputati per il PD.

L’attentato contro Zakharchenko, ucciso da un’esplosione in un bar del centro di Donetsk, nel tardo pomeriggio del 31 agosto, segue l’assassinio di altri uomini, molto amati nel Donbass, come Givi (2017), Motorola (2016), Mozgovoj (2015).

Il Comitato Contro La Guerra Milano invita quindi le organizzazioni democratiche, i sinceri antifascisti amanti della pace e soprattutto i lavoratori a portare il loro saluto martedì 4 settembre alle 18.30 in piazzale Loreto, angolo via Andrea Doria, davanti alla Stele dei 15 Martiri, dove ricorderemo i Caduti per la Resistenza del Donbass.

Consapevoli che il “lavoro sporco” sta accelerando proprio in queste ore anche in Siria, una pressione pericolosa, dunque, che va dalla Siria al Donbass spingendosi verso Est, come dire Russia e Iran.

Perché la guerra è contro i lavoratori e tocca ai lavoratori fermarla.

COMITATO CONTRO LA GUERRA MILANO
FB facebook.com/comitato.milano.5
E-MAIL comitatocontrolaguerramilano@gmail.com
CELL. 338-3899559

Locandina Zakharchenko