Archivi tag: Venezuela

I video dell’assemblea “Latinoamerica: emancipazione, giustizia sociale e relazioni internazionali”;

Il 18 novembre 2017 si è svolta l’assemblea “Latinoamerica: emancipazione, giustizia sociale e relazioni internazionali” presso l’Università degli Studi di Milano. Di seguito i video dell’iniziativa.

Parte 1

Interventi di Nicoletta Manuzzato, Franco Calandri e Marcello Gentile; contributi di Luigi Tranquillino.

Parte 2

Interventi di Geraldina Colotti ed Eduardo Barranco; contributi di Luigi Tranquillino.

Parte 3

Interventi di Amarilis Gutiérrez Graffe e Domenico Losurdo; contributi di Luigi Tranquillino.

Annunci

L’aggressione al Venezuela. E’ imminente l’invasione militare dalla Colombia?

Traduzione di Marinella Correggia

PREMESSA Mentre il presidente colombiano Juan Manuel Santos ordina di chiudere la frontiera con il Venezuela e muove 3.000 militari nell’area, e mentre il capo del comando Sud degli Stati uniti, Kurt Tidd, rende nota la presenza di forze militari del suo paese nella regione del Tumaco, in Colombia per incontri con l’esercito colombiano volti a “contrastare le minacce alla sicurezza”, in questo scenario insomma da guerra per procura, è opportuno leggere l’articolo (tradotto in italiano) del giornalista venezuelano Eleazar Díaz Rangel. (MC)

Eleazar Díaz Rangel | L’aggressione al Venezuela. E’ imminente l’invasione militare dalla Colombia?
http://www.ultimasnoticias.com.ve/noticias/opinion-mini-site/eleazar-diaz-rangel-las-agresiones-a-venezuela/
Mai prima d’ora il pericolo di un’aggressione militare al Venezuela è stato così vicino; una possibilità reale della politica attuale di Washington, anche se ricordiamo altre epoche di tensioni, avvertimenti e sanzioni contro l’economia del paese, a partire dal maggio 2001 quando, poco dopo l’arrivo di Hugo Chávez al governo, un funzionario dell’intelligence militare scoprì il Plan Balboa – in Spagna, prove di invasione militare da parte di Stati uniti e Nato -, fino al presidente Barack Obama che nel 2015 considerava il nostro paese “una minaccia inusuale e straordinaria” per la sicurezza degli Stati uniti e la loro politica estera.
Perché questa mia conclusione? Prima di tutto, per la presenza di Trump alla guida degli Usa, con l’appoggio dei settori più reazionari e imprevedibili della politica di quel paese, capaci di creare crisi importanti simultaneamente in Venezuela e nella penisola coreana. E non è solo la presenza di Trump, ma le sue parole, le sue minacce concrete.
Queste condizioni, ovviamente, in sé non sarebbero sufficienti a confermare la gravità della situazione. Ma nella regione si sono verificati cambiamenti importanti. Non possiamo più contare su Lula o Dilma in Brasile, né sui Kirchner in Argentina, e in Ecuador non c’è più Correa. Sono assenze non da poco per lo sviluppo dei piani di Washington nei confronti del Venezuela. Aggiungiamo la creazione del gruppo di Lima come strumento che segue fedelmente le linee tracciate dagli Stati uniti nella loro ossessione contro il nostro paese.
E, come se non bastasse, la politica dell’Unione europea segue pedissequamente come non mai le azioni e decisioni di Washington nei confronti del Venezuela. E certamente vari paesi della regione obbediranno all’ordine recente di non riconoscere i risultati delle elezioni che si terranno il 22 aprile. Non è da scartare l’ipotesi che, a certe condizioni, si approfitti della nuova correlazione di forze in seno all’Organizzazione degli Stati americani per sancire la rottura delle relazioni con il Venezuela, come fecero a suo tempo con Cuba.
Sul piano militare, il comando Sud continua a essere un fattore fondamentale in ogni azione, insieme al riordinamento delle sete basi miliari in Colombia, controllate dagli Stati uniti; e in particolare quella di Palanquero. Aggiungiamo la recente decisione del governo di Panamá di autorizzare a partire da luglio l’arrivo di 415 militari dell’aviazione Usa!
Davanti a un panorama così guerrafondaio, è da immaginare che i falchi che guidano la politica estera di Washington siano arrivati alla conclusione che il momento propizio è arrivato; ma poi di certo sono subentrati i dubbi. Per esempio, quale sarebbe la reazione dei popoli latinoamericani, e anche altrove nel mondo? Fin dove si potrebbe spingere l’impegno della Cina sancito nell’accordo di “sicurezza e difesa” firmato di recente con il Venezuela? E la Russia? E i cubani, cosa farebbero? E i paesi dell’Alba, che da un mese sono riuniti in permanenza? Sulla base di queste domande, chi può garantire il successo di un’invasione militare?
L’unione civico-militare per la prima volta si è espressa anche in esercitazioni congiunte, e il popolo in precedenza non aveva la capacità di organizzazione e la coscienza nazionale alla quale è giunto. Gli Usa considereranno una fanfaronata l’avvertimento di Diosdado Cabello: si sa in quali condizioni arriveranno i soldati di Washington ma non si sa in quali condizioni se ne andranno?
In questo contesto, il comportamento del presidente Usa è così ossessivo che, anche qualora l’invasione militare fosse scartata, l’aggressione continuerebbe, con il rafforzamento delle misure economiche e finanziarie che già si stanno applicando, con l’aggiunta dell’embargo sul petrolio; il tutto con il sostegno dei media, come Ap, Reuters, Afp, Efe, e dei telegiornali di mezzo mondo, il solito circo mediatico nel quale dominano le menzogne e le notizie prive di fondamento, insieme all’occultamento della verità.
Qualunque politica Trump applicherà rispetto al Venezuela, abbiamo a disposizione un’unica risposta: resistere, affrontare le minacce nella maniera più organizzata possibile e consapevoli che, dall’interno, una minoranza appoggerà l’aggressione e alzerà il telefono per ricevere l’ordine di non andare a votare e di disconoscere il risultato del voto.

Assemblea “Latinoamerica: emancipazione, giustizia sociale e relazioni internazionali”

Di seguito il testo e il video del documento votato all’unanimità dall’affollata assemblea promossa a Milano dal Comitato Contro la Guerra Milano e Casa Rossa:
“L’assemblea tenutasi all’Università degli Studi di Milano in data 18 novembre 2017 esprime solidarietà e appoggio al Governo della Repubblica Bolivariana del Venezuela. Esprime anche l’auspicio che esso stesso possa conseguire gli obiettivi che si è prefissato in tema di emancipazione, libertà e giustizia sociale.”



009007001

Comunicato sulle elezioni in Venezuela

Chavez, Castro e MoralesDomenica 15 Ottobre 2017 il Popolo Venezuelano, ancora una volta, ha dato al mondo l’ennesima lezione di Democrazia, riconfermando il cammino verso la pace e la libertà, già ampiamente espresso lo scorso 30 Luglio per l’elezione della Assemblea Nazionale Costituente, con la sua ferma volontà di riaffermare la propria sovranità contro le aggressioni imperialiste degli Stati Uniti e della Unione Europea, che senza vergogna appoggiano e continueranno ad appoggiare l’oligarchia e i fascisti venezuelani.

Si sono recati alle urne oltre 11 milioni di cittadini, il 61,14% dei venezuelani aventi diritto, l’affluenza più alta mai registrata per le elezioni Regionali.

Il Gran Polo Patriottico, il blocco dei candidati e dei partiti che appoggiano il Governo del Presidente Nicolas Maduro, si è aggiudicato, con il 54% dei consensi, 18 regioni su 23.

Hector Rodriguez del Partito Socialista Unito del Venezuela (PSUV) sarà il nuovo Governatore dello stato Miranda; con 622.226 voti, pari al 52,54% ha strappato alla destra il suo stato simbolo, quello che comprende l’Est di Caracas dove risiedono la gran parte dei leader dell’opposizione e dove è stata orchestrata la campagna di violenze degli ultimi mesi, oltre ad essere il luogo da dove sono partiti tutti i tentativi eversivi degli ultimi 19 anni.

Proprio in queste ore, mentre si stanno definendo i dati  di questa tornata elettorale, è già incominciato lo show mediatico degli sconfitti che non riconoscono, come sempre avviene dal 1998, la vittoria contundente del Chavismo. Su 24 elezioni ne hanno riconosciute soltanto 2, quelle dove non ne sono usciti sconfitti.

Il Venezuela ha reimboccato la sua strada per la libertà, fatta di partecipazione popolare, a dispetto delle sanzioni USA e UE, delle loro ingerenze e del clima di terrore e violenza delle squadracce al soldo dell’imperialismo di rapina.

Con un pensiero rivolto a quei paesi così duramente colpiti per non avere voluto piegarsi al dominio, come la Jugoslavia, l’Iraq, la Libia e la Siria, rivolgiamo un appello ai sinceri democratici di sostenere davvero l’indomita Repubblica Bolivariana del Venezuela.

Con una vittoria popolare così, che fa giustizia delle menzogne e della disinformazione, il Comitato Contro la Guerra Milano e la Casa Rossa Milano sono felici di pubblicare questo comunicato e inviano un saluto ai compagni e agli amici venezuelani.

CHAVEZ SI

MADURO SI

YANKEE NO

Comitato Contro la Guerra Milano
Casa Rossa Milano